selviturismo agriturismo il casalone selviturismo arezzo il casalone
gastronomia visite guidate ospitalita attività didattiche il tartufo le nostre produzioni itinerari artistici contattaci
in primo piano
Principe Carlo ospite di mio padre area video
    Nell'area video viene proposto il breve film che...



area video



A 350 m dalle limpide e pescose acque del Torrente Marecchia, , Il Casalone è il frutto dell’attento restauro conservativo dell’antico “Castrum Sancti Paterniani” documentato fin dal 1264. La particole gastronomia forestale, le tartufaie aziendali, l’arboreto, l’aula didattica, le pubblicazioni, la biblioteca rurale, l’archivio storico e le visite guidate, fanno del Casalone il luogo dove l’agriturismo diviene selviturismo: una pausa rigenerante alla scoperta del bosco e dei suoi impareggiabili sapori


Altre produzioni dell'azienda




L’Azienda Agricola “Tocci Maria Teresa” dispone complessivamente di oltre 21 ettari di terreno, costituiti per la gran parte (circa 16 ha) da boschi di cerro, quercia,


carpino e ornello che producono legna da ardere, ma anche tartufi bianchi e neri (tartufaie spontanee controllate), funghi porcini, prugnòli, nerini e durelli, nonché le mille bacche impiegate in gastronomia: more, fragoline selvatiche, còrniole, prùgnole, “coccole di ginepro”, rose canine, sorbe e nespole.
























Maria Teresa e la madre Luisa durante la raccolta dei lamponi





































































































More di Rovo
(Rubus fruticosus)




Còrniolo
(Cornus mas)




Ginepro
(Juniperus Communis)




Sorbo
(Sorbus domestica)




Olivello Spinoso
(Hippophae rhamnoides)




Uva Spina
(Ribes uva crispa)




Ortica
(Urtica dioica)




Prùgnolo
(Prunus spinosa)




Nespolo
(Mespilus germanica)




Strìgolo
(Silene vulgaris)




Fragolina
(Fragaria vesca)




Ribes Rosso
(Ribes rubrum)





Oltre ai boschi ed alle tartufaie controllate e coltivate - che costituiscono il vero fiore all’occhiello dell’azienda  -  un posto di rilievo è occupato dalle coltivazioni di erbe selvatiche (ad es. gli strigoli ), di frutti di bosco (lamponi, fragoline, ribes, uva spina, kiwi selvatico) e di piante officinali-medicamentose ed aromatiche (ad es.: olivello spinoso e falso pepe cinese). Inoltre non dobbiamo dimenticare, anche in segno di rispetto per la nostra civiltà contadina, altre due attività a prima vista minori, eppure indispensabili tanto per le massaie d’un tempo, quanto per i moderni gestori agrituristici:  la coltivazione del grande orto (antistante il Casalone) e l’allevamento di polli ruspanti, oche ed  altri animali da cortile.






















Differenti fasi dell'orto aziendale: solcatura, piantumazione, annaffiamento e rincalzatura... fino all'assaggio in loco dei prodotti da parte di un gruppo di visitatori (sotto)






Maria Teresa dispensa grano ai polli ruspanti









Azienda Agricola “Tocci Maria Teresa” . Selviturismo
Loc. San Patrignano, 53 - Comune di Badia Tedalda - Arezzo Toscana Italy tel.: 0575.714035 cell.: 339.3731825
Web Editing © 2004 Net Style